News dal Web - Notiziario non periodico di informazione online.

italianiallestero.net
italianiallestero.net
italianiallestero.net
italianiallestero.net
italianiallestero.net
Vai ai contenuti

In Islanda a 25 anni posso insegnare all’università. In Italia stipendi bassi e tanta invidia sociale

Notiziario non periodico di informazione online.
Pubblicato da in cervelli italiani in fuga ·
Roberto Pagani ha lasciato l’Italia il 23 agosto 2014, aveva in mano una laurea in lingue nordiche e in inglese, con un anno di Erasmus a Edimburgo. “Sono andato via quando ho capito che la burocrazia mi avrebbe sempre tarpato le ali – racconta –. Non conosco molti altri Paesi in cui avrei potuto insegnare all’università già a 25 anni”. Oggi a 28 anni Roberto è dottorando in linguistica e codicologia islandese all’università di Islanda a Reykjavík, dove insegna anche lingua e letteratura italiana e fa il supplente del docente titolare nei corsi di antico nordico. Tornare? “Preferisco essere messo alla prova che stare in un sistema a vantaggio dei mediocri”.
Precisiamolo. Roberto non si è mai sentito costretto ad andare via. “Mi sono trasferito all’estero per vedere cosa sarebbe successo. Devo dire che la mia si è rivelata una scelta azzeccata”. Da ricercatore è finito a studiare i manoscritti delle saghe medievali, “i loro tesori nazionali, come per noi certe opere d’arte”, spiega. La differenza principale è che gli islandesi provano molto orgoglio per il loro passato letterario: “In Italia non avevo mai visto nessuno di più importante del presidente della provincia di Cremona, qui mi sono trovato a ricevimenti a cui partecipavano la prima ministra o il presidente”...continua..


Torna ai contenuti