Il passaporto mortuario - Notiziario non periodico di informazione online per gli italiani all'estero.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il passaporto mortuario

Normativa
Gli Uffici consolari forniscono assistenza e consulenza in caso di rimpatrio di spoglie di cittadini italiani deceduti all’estero.

In questo ambito, provvedono a inoltrare la relativa richiesta di autorizzazione al comune italiano ove è prevista la sepoltura della salma o delle ceneri, rilasciando apposito passaporto mortuario.

Al fine di ottenere il passaporto mortuario il richiedente dovrà presentarsi, previo appuntamento, presso l’Ufficio consolare e produrre la seguente documentazione:

  • certificato di morte;
  • certificato della competente autorità sanitaria locale dalla quale risulti che sono state osservate specifiche prescrizioni igieniche di sicurezza;
  • certificato che attesti il decesso in zona esente da malattie infettive e di natura endemica;
  • apposizione dei sigilli da parte dell'Autorità consolare, qualora il decesso sia avvenuto in un paese non firmatario della Convenzione di Berlino (ratificata con DPR n. 285/90).
  • Circolare n.7 del 4.4.1979 M/VII/1 - Segnalazione di decessi di connazionali ed introduzioni di salme in Italia;
  • Convenzione di Berlino del 10.2.1937;
  • Leggi Regionali in materia di contributi per il rimborso delle spese di rimpatrio salme di connazionali emigrati deceduti all'estero.





Non riceviamo alcun finanziamento la nostra indipendenza sei Tu
Notiziario non periodico di informazione online
Notiziario non periodico di informazione online
Torna ai contenuti | Torna al menu