Quesito sulla reversibilità a seguito matrimonio consolare - Notiziario non periodico di informazione online per gli italiani all'estero.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quesito sulla reversibilità a seguito matrimonio consolare

Articoli
Molti ci scrivono per sapere se ai fini del riconoscimento del diritto alla pensione di reversibilità deve considerarsi valido e legittimo anche il matrimonio consolare ossia celebrato presso un'ambasciata estera situata in Italia.

La prima sezione civile della Corte di cassazione nella sentenza n. 25564 del 17 dicembre 2010 ha espressamente previsto che  ai sensi del principio di extraterritorialità lo Stato ospitante deve assicurare, senza turbative ed intromissioni, l'espletamento della missione diplomatica.

Ai fini del diritto alla pensione di reversibilità, precisa la predetta sentenza, la data da cui deve computarsi la durata dell'unione è quella della celebrazione del rito.

(Nel caso affrontato dalla Corte la seconda moglie di un uomo contestava la legittimità del primo matrimonio perché avvenuto nell'ambasciata estera; inoltre essa lamentava che, in ordine al criterio della ripartizione in base alla durata del vincolo, doveva farsi riferimento alla data di trascrizione del matrimonio e non a quella della celebrazione.)


Non riceviamo alcun finanziamento la nostra indipendenza sei Tu
Notiziario non periodico di informazione online
Notiziario non periodico di informazione online
Torna ai contenuti | Torna al menu