L'Ufficio consolare - Notiziario non periodico di informazione online per gli italiani all'estero.

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Ufficio consolare

Normativa
L’Ufficio Consolare tutela tutti i cittadini italiani nei casi in cui vengano violati i loro diritti fondamentali o vengano limitati o privati della loro libertà personale assistendoli in caso di emergenza e ricerca di familiari.

Anche i cittadini degli stati membri dell’Unione Europea hanno diritto ad essere tutelati dall’Ufficio Consolare italiano, qualora nel territorio in cui si trovano non vi sia una Rappresentanza del loro Paese (previa intesa con le autorità del paese di provenienza dello straniero).

Lo stesso vale per i cittadini italiani qualora nel paese in cui si trovano non sia presente un Ufficio Consolare italiano, si possono rivolgere all'Ufficio Consolare di un paese dell'Unione Europea ivi presente.

L’Ufficio Consolare competente per territorio è un ufficio pubblico che eroga i sottonotati servizi:

  • iscrizione all'Anagrafe Italiani Residenti all’Estero;
  • matrimonio e pubblicazioni di matrimonio;
  • rilascio e rinnovo della carta di identità (a decorrere dal 1 giugno 2007 esclusivamente a favore dei cittadini italiani residenti all’estero ed iscritti al registro dell’A.I.R.E., previa dotazione delle necessarie attrezzature informatiche).
  • rilascio e rinnovo di: passaporto, codice fiscale, patente e buoni postali;
  • esenzioni doganali;
  • rimpatrio consolare;
  • traslazione salme;
  • atti notarili (atto di rinuncia di eredità, testamento, procure, legalizzazioni); dichiarazione sostitutiva atto di notorietà; e autentica di atti, firme, foto;
  • dichiarazioni di valore (studenti);

Inoltre istruisce pratiche e fornisce informazioni su:

  • cittadinanza (naturalizzazione, perdita, riacquisto, ricostruzione);
  • voto all’estero;
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione (autocertificazione);
  • pensioni;
  • servizio militare;
  • assistenza sanitaria.
Servizi consolari di stato civile

Come abbiamo accennato, molteplici sono i servizi resi dagli Uffici Consolari e tra questi vi è quello della tenuta dei registri di cittadinanza, nascita, matrimonio e morte,effettuando le relative iscrizione e annotazioni.

Inoltre:
  • riceve e trasmette, per la trascrizione ai comuni italiani, gli atti di stato civile emessi dalle autorità straniere o dall’Ufficio consolare;
  • provvede alle pubblicazioni di matrimonio (solo se uno degli sposi è iscritto all’A.I.R.E.);
  • celebra il matrimonio consolare;
  • emette atti di cittadinanza.


  • D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 200, disposizioni sulle funzioni e sui poteri consolari.
  • Codice Civile;
  • Legge 19 maggio 1975, n. 151 – Nuovo diritto di famiglia;
  • Legge 14 aprile 1982, n. 164 – Norme di rettificazione di attribuzione di sesso;
  • Legge 31 maggio 1995, n. 218 – Riforma del diritto internazionale privato;
  • D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 - Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'articolo 2, comma 12, della L. 15 maggio 1997, n. 127;
  • D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa;
  • Legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica - Indicazioni in materia di anagrafe e di stato civile;
  • Circolare n. 19 del 7 agosto 2009 Ministero dell’Interno – Indicazioni operative legge n. 94/2009;
  • Decreto Legislativo 3 febbraio 2011, n. 71 – Ordinamento e funzioni degli Uffici consolari;
  • Legge n.183/2011 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello stato (legge di stabilità 2012);
  • Direttiva del ministro della Pubblica Amministrazione e della Semplificazione n.14/2011. Adempimenti urgenti per l’applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui all’articolo 15 della legge 12 novembre 2011, n.183;
  • Circolare Ministero dell’Interno n.4/2012. Art. 15, c. 1, legge n. 183/2011. Norme in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive;
  • Convenzione per il rilascio di alcuni estratti di atti dello stato civile destinati all’estero (Parigi, 27.9.1956);
  • Convenzione per il rilascio gratuito e la dispensa dalla legalizzazione di atti dello stato civile (Lussemburgo, 26.9.1957);
  • Convenzione per lo scambio internazionale di informazioni sullo stato civile (Istanbul, 4.9.1958);
  • Convenzione relativa ai cambiamenti di nomi e cognomi (Istanbul, 4.9.1958);
  • Convenzione concernente l’estensione della competenza delle autorità qualificate a ricevere il riconoscimento di figli naturali (Roma, 14.9.1961);
  • Convenzione dell'Aja del 5ottobre 1961 - Convenzione che sopprime la legalizzazione degli atti pubblici esteri;
  • Convenzione concernente lo scambio di informazioni in materia di acquisto della nazionalità (Parigi, 10.9.1964);
  • Convenzione di Londra del 7giugno 1968 - Convenzione europea sulla soppressione della legalizzazione di atti compilati dagli agenti diplomatici o consolari;
  • Convenzione sulla legittimazione per matrimonio (Roma 10.9.1970);
  • Convenzione relativa all’indicazione dei nomi e dei cognomi nei registri di stato civile (Berna, 13.9.1973);
  • Convenzione che istituisce un libretto di famiglia internazionale (Parigi 12.09.1974);
  • Convenzione relativa al rilascio di estratti plurilingue di atti di stato civile (Vienna, 8.9.1976);
  • Convenzione sull’esenzione della legalizzazione per taluni atti e documenti (Atene, 15.9.1977);
  • Convenzione relativa al rilascio di un certificato di capacità matrimoniale (Monaco, 5.9.1980);
  • Legge 19 novembre 1984, n. 950. Ratifica ed esecuzione della convenzione relativa al rilascio di un certificato matrimoniale e della convenzione sulla legge applicabile ai cognomi e ai nomi, adottate a Monaco il 5 settembre 1980;
  • Convenzione relativa alla legge applicabile ai nomi e cognomi (Monaco, 5 9.1980);
  • Convenzione relativa al rilascio di un certificato di diversità di nomi di famiglia (L’Aja, 8.9.1982);
  • Convenzione Bruxelles del 25 maggio 1987 - Convenzione relativa alla soppressione della legalizzazione di atti negli Stati membri delle Comunità europee;
  • Protocollo addizionale alla Convenzione del 4.9.1958 concernente lo scambio internazionale di informazioni in materia di stato civile (Patras, 6.9.1989);
  • Convenzione relativa al riconoscimento e all’aggiornamento dei libretti dello stato civile, con annessi (Madrid, 5.9.1990).




Non riceviamo alcun finanziamento la nostra indipendenza sei Tu
Notiziario non periodico di informazione online
Notiziario non periodico di informazione online
Torna ai contenuti | Torna al menu